Skip to content

marzo 6, 2013

IL TEOREMA DI FERMAT

Quando arriva una telecamera, lui c’è.
Penna in bocca, taccuino in mano, fronte corrugata e sguardo teatralmente attento. Lui si chiama Mauro Fortini e ha 51 anni.
Molti pensano, vedendolo imperversare su tutti gli schermi televisivi, che sia un cronista.
Anche perché scrive, prende appunti, registra dichiarazioni di politici e uomini delle forze dell’ordine.
Ultimamente ha cominciato anche a fare domande.
Ma non è così.
Mauro Fortini è un presenzialista. Così si definisce.
Ci ho chiacchierato a lungo nei due giorni di attesa e appostamenti davanti al Policlinico Gemelli per il ricovero di Giulio Andreotti.
E quella che segue è la sua storia. Un fiume in piena, in presa diretta.
“Ahò, sai quante comparsate c’ho? 38.000. T-R-E-N-T-O-T-T-O-M-I-L-A! E’ dal ’98 che faccio ‘sto lavoro, ho cominciato col crollo di Vigna Jacobini (27 morti n.d.r)ho cominciato co’ Paolini”
“Ah, beh!”
“Eh, ce so stato 5 anni co’ llui, lo…

View original post 267 altre parole

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: